La cultura è organizzazione (A.Gramsci)

Non farla semplice

Non farla semplice

Mentre tutto il mondo rimaneva chiuso in casa, socialmente contenuto dall’emergenza Covid, nella notte di Pasqua quattro barche di migranti arrivano a Lampedusa. Da alcuni mesi intervistavo lavoratori, intellettuali, facevo ricerche su queste storie per comprendere, al di là di ogni propaganda, quale fosse e sia la realtà del fenomeno d’epoca che abbiamo chiamato migrazioni.

Proletariato ciclabile

Proletariato ciclabile

La discussione procedeva davanti a una tazza di caffé – o forse non era caffé, piuttosto qualcosa d’altro, ma non ricordo bene. La luce tiepida di un gennaio solare ci teneva compagnia. Il lavoratore di cui ero ospite, dopo avermi raccontato cosa significasse concretamente lavorare a contatto con i richiedenti asilo, passa a rispondere alla domanda che gli avevo posto.

Struttura e sovrastruttura

Struttura e sovrastruttura

Il mio incontro con il lavoratore si era protratto per oltre due ore di intensa narrazione e di materiale ne avevo raccolto moltissimo. La seconda tappa della mia indagine doveva essere quella di sottoporre questo materiale a degli studiosi, esperti, a degli intellettuali. Un percorso in cui ho incontrato voci e contenuti ancora più interessanti.

Il problema degli spiriti

Il problema degli spiriti

L’episodio raccontato dalla mia fonte di partenza, quello degli africani all’ospedale che rifiutano le cure, era stato da subito fra quelli che i docenti contattati avevano voluto approfondire e precisare: e rileggendo il testo di questa parte del colloquio con Osvaldo Costantini, ho pensato che ci fosse qualcosa di prezioso da portarsi a casa; una di quelle sapienze dal fascino esotico, spiegate con il rigore di uno studioso.

Soggetti rivoluzionari

Soggetti rivoluzionari

La credibilità di un messaggio mi risulta tanto maggiore, quanto è dissonante rispetto alla natura della fonte. Osvaldo Costantini è un attivista dei movimenti sociali, un militante con forti legami con i sindacati di base. Non mi ha lasciato andare via prima di sottolineare quanto possa essere dannoso un innamoramento superficiale verso i migranti e le migrazioni.

What we believe

What we believe

I fenomeni sovrastrutturali producono effetti strutturanti: lo abbiamo già detto in teoria, ora lo vediamo in pratica. Perché i valori con cui cresce chi sceglie di affrontare il viaggio migrante sono un esito storico; un processo che si può indagare e raccontare.

Belvedere sulla storia

Belvedere sulla storia

Qualcosa, io credo, l’ho capita: allora è qui il finale di questo primo giro di una storia da lontano Da dove parte la prossima ruota, io penso di saperlo già.